Sexting


Consigli per adulti

Diversi studi recenti sottolineano consigli pratici per genitori ed adulti. 

  • Informati, il sexting non è infrequente. Ancora troppo spesso gli adulti tendono a ignorare l’esistenza del fenomeno o a sottostimarne la pervasività, mostrandosi inconsapevoli del fatto che esso coinvolge molti adolescenti. Informatevi sull’esistenza di questo fenomeno e parlatene ai vostri figli. È importante che i genitori affrontino l’argomento del sexting con i loro figli in un contesto adeguato. Chiedete ai vostri figli se ne hanno mai sentito parlare (magari non conoscono il termine specifico). 
  • Chiedi. E’ importante parlarne con i figli: avere un dialogo aperto e sereno sulla sessualità, sui cambiamenti del corpo, sullo sviluppo e l’identità sessuale, può dar loro modo di aprirsi in generale e rispetto al sexting in particolare. Affrontate l’argomento in maniera tranquilla e non inquisitoria, questo aiuterà i vostri figli a capire meglio i rischi connessi al fenomeno, riducendone i molteplici rischi.
  • Se hai scoperto immagini, testi o video sessualmente espliciti sul telefonino di vostro figlio, assicurati che sia consapevole dei rischi connessi all’invio di queste immagini. Allo stesso modo, se vieni a sapere che tuo figlio ha ricevuto una foto di nudo che ritrae un altro adolescente, assicurati che non la invii a nessuno. Questa può comunque essere un’occasione per instaurare un dialogo con i tuoi figli riguardo al tema della sessualità.
  • Comprendi le motivazioni. E’ importante che tu capisca perché la ragazza/il ragazzo invia proprie foto/video. Nel parlarne con tuo/a figlio/a, rimani calmo, mostrati accogliente e supportivo e cerca di capire i motivi alla base di questo comportamento (se lo ha fatto impulsivamente per gioco, se lo considera una “prova d’amore”, o se è stato costretto/a da qualcuno). E’ possibile che l’invio sia espressione di interesse per l'avvio di un rapporto, serva al mantenimento di un rapporto già esistente, o perché vogliono feedback sul proprio corpo. Tutte queste motivazioni, tipiche del periodo adolescenziale, possono essere importanti per i ragazzi. 
  • Parla delle conseguenze. E’ importante che i ragazzi siano informati sulle conseguenze di questo tipo di comportamenti. Può aiutarli a ragionare sui loro comportamenti e a renderli consapevoli sulla possibilità di un utilizzo non appropriato delle loro immagini/video. Spiegategli del rischio di essere accusati di produzione e distribuzione di materiale pedopornografico.
  • Valuta. Valutate se parlarne con gli altri ragazzi coinvolti e con i loro genitori, e comunque rivolgetevi alla Polizia Postale e delle Comunicazioni o a Telefono Azzurro.
  • Puoi chiedere un consiglio o un aiuto a Telefono Azzurro, chiamando il numero 1.96.96, oppure contattando Telefono Azzurro anche via chat, tutti i giorni dalle 16.00 alle 20.00, accedendo al sito www.azzurro.it e cliccando su “ch@tt@ con Telefono Azzurro!”. 
  • Se sei online Telefono Azzurro è anche in Facebook, tramite una APP specifica. La app è raggiungibile all’indirizzo https://www.facebook.com/pages/SOS-Il-Telefono-Azzurro-Onlus/44991281207 o cercando in “Persone, luoghi, oggetti” Telefono Azzurro e selezionando l’Applicazione “SOS – Telefono Azzurro onlus” nell’elenco che compare nel menu a tendina.
  • Se ti trovi in una situazione di emergenza e pericolo immediato puoi invece chiamare il numero gratuito 114
 
 

Hai trovato la risposta alla tua domanda?


Se non l’hai trovata, scrivici a letuedomande@azzurro.it.
Risponderemo al più presto alla tua email.
Se invece hai bisogno di un aiuto immediato chiamaci all'19696 o ch@atta con noi