Ecco il Manifesto che Telefono Azzurro ha presentato alle forze politiche e ai movimenti impegnati in politica in occasione delle ultime elezioni. E che presenta oggi al neo-Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al suo Governo.

 

 

IL MANIFESTO PER L'INFANZIA E L'ADOLESCENZA IN ITALIA

 

Bambini e adolescenti sono il futuro del nostro Paese e devono essere una delle priorità di governo, con particolare attenzione agli investimenti per l'educazione, la sicurezza, la salute mentale, la giustizia e lo sport.

Sarà istituito un Ministero per l'Infanzia e l'Adolescenza con fondi propri, che sia responsabile delle scelte strategiche, armonizzi le attività delle amministrazioni centrali e locali cointeressate, nelle materie di loro stretta competenza che incidano sul settore minorile. Il Ministero garantirà che le indicazioni e le linee guida in materia provenienti dell'Europa siano attuate anche dall'Italia.

Il Giorno dell’Ascolto sarà celebrato ogni anno in tutte le Assemblee elettive, dal Parlamento ai piccoli comuni, permettendo ai ragazzi di esprimere il proprio diritto alla partecipazione attraverso la presentazione di idee e proposte per cambiare la vita della città, la scuola, i servizi loro dedicati. Saranno destinati fondi per l'ascolto e l'aiuto dei bambini e degli adolescenti vittime di abusi, maltrattamenti e violenze, da parte di adulti e coetanei.

Bambini e adolescenti potranno intervenire nei processi, con l’aiuto di curatore speciale ed a parità di condizioni con le altre parti, quando l’esito potrebbe incidere sui loro diritti ed interessi.

La scuola è una priorità che va supportata finanziariamente e adeguatamente formata per rispondere alle nuove sfide didattiche, educative e culturali, poste anche dalle nuove tecnologie.

Tutti i bambini nati in Italia saranno cittadini italiani, qualunque sia la nazionalità dei loro genitori.

Quando bambini e adolescenti sono protagonisti o vittime di fatti di cronaca, i mass media e il web dovranno rispettare rigorosamente le normative internazionali, europee e nazionali (la Carta di Treviso), a maggior ragione quando si tratti di fatti di violenza o di abuso, vietando qualsiasi spettacolarizzazione.

Bambini e adolescenti con disabilità usufruiranno di un particolare sostegno economico per garantire loro pieno accesso alla scuola e a tutti gli spazi di socializzazione.

Saranno destinati adeguati fondi per la prevenzione e la cura dei disturbi mentali dell'età evolutiva, incluse le nuove patologie legate ad internet e le dipendenze patologiche in adolescenza.

Una rete integrata ed efficiente di servizi e associazioni non profit dovrà sostenere le famiglie in ogni circostanza, prendendo in carico i problemi e fornendo soluzioni.