Progetti coi volontari


Eventi nazionali 

Gli eventi nazionali sono momenti di grande coinvolgimento capaci di unire un vasto pubblico intorno al tema dei diritti dei bambini e degli adolescenti.

Due le grandi  iniziative nazionali :

·         “Fiori d’Azzurro” , in Aprile,

·         “Candele d’Azzurro”, a Novembre.

Essere presenti in quasi 2.500 piazze italiane comporta un grande sforzo: per questo abbiamo bisogno di te.

Basta un weekend.  

 


Progetto scuola

La Scuola è per Telefono Azzurro un interlocutore fondamentale.

Nel contesto scolastico è più facile individuare i segnali di disagio e intervenire in maniera puntuale coinvolgendo allievi, docenti, genitori e operatori presenti sul territorio.

Data l’importanza del lavoro svolto nelle scuole, Telefono Azzurro dal 2005 è riconosciuto come Ente di Formazione dal Ministero dell'Istruzione.

Proprio grazie al lavoro impagabile dei nostri volontari, Telefono Azzurro è al fianco di insegnanti e studenti di tutta Italia, non solo attraverso laboratori ludico-didattici destinati ai più piccoli ma anche con percorsi formativi per genitori e insegnanti.

La scuola è il luogo nel quale può iniziare la sensibilizzazione dei bambini rispetto ai propri diritti. 

Visita la Sezione dedicata alla nostra Attività nelle scuole

 


Centro di Ascolto

La linea 19696 è operativa 24 ore su 24, per 365 giorni l'anno. Dedicata a bambini e adolescenti, è aperta anche agli adulti, che vogliono confrontarsi su situazioni che riguardano minorenni.  

Centinaia sono le richieste di aiuto e di ascolto che ci giungono quotidianamente da parte di bambini, adolescenti e adulti: per questo siamo alla ricerca di volontari che possano dare una disponibilità di almeno 3 ore alla settimana.

 


Progetto bambini e carcere

Molti bambini fino a tre anni vivono in carcere con la propria madre. Altri frequentano il carcere regolarmente per incontrare il genitore detenuto.

Da anni Telefono Azzurro si occupa anche di questi bambini, sviluppando progetti in collaborazione con ilMinistero della Giustizia e con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziale.

Attraverso il progetto "Bambini e Carcere", nato nel 1993 a Milano presso la casa circondariale San Vittore, l’Associazione tutela e sostiene bambini e adolescenti che devono rapportarsi con la realtà carceraria per tutta la durata della pena del genitore detenuto. Un incontro, quello con la realtà carceraria, che rischia di segnare indelebilmente le loro vite. 

Il progetto ha due macro-aree di intervento:

·         Progetto Nido. Destinato ai bimbi (0-3 anni) che vivono negli istituti penitenziari insieme alle madri detenute ha l'obiettivo di supportare lo sviluppo sano del bambino non solo valorizzando e supportando la relazione con la madre, ma anche facilitando il suo accesso al mondo esterno al carcere.

·         Progetto Ludoteca. Destinato ai bambini e agli adolescenti che vanno in visita negli istituti penitenziari per incontrare il genitore detenuto, supporta l'ingresso e la permanenza all'interno dell'istituto di pena, attraverso l'allestimento di spazi a misura di bambino e la presenza di personale specializzato.

Il Progetto è oggi presente in 16 istituti penitenziari a livello nazionale.